GDPR

GDPR

Privacy, 25 Maggio 2018

A partire dal 25 maggio è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali.

Con il GDPR:
- Si introducono regole più chiare su informativa e consenso;
- Vengono definiti i limiti al trattamento automatizzato dei dati personali;
- Poste le basi per l’esercizio di nuovi diritti;
- Stabiliti criteri rigorosi per il trasferimento degli stessi al di fuori dell’Ue;
- Fissate norme rigorose per i casi di violazione dei dati (data breach).

Tutte le aziende, ovunque stabilite, dovranno quindi rispettare le nuove regole. Imprese ed enti avranno più responsabilità e caso di inosservanza delle regole rischiano pesanti sanzioni.
Per risolvere eventuali difficoltà è stato introdotto lo “sportello unico” (one stop shop), che semplificherà la gestione dei trattamenti e garantirà un approccio uniforme.
E' stata introdotta la responsabilizzazione dei titolari del trattamento (accountability) e un approccio che tenga in maggior considerazione i rischi che un determinato trattamento di dati personali può comportare per i diritti e le libertà degli interessati. Questo nuovo diritto faciliterà il passaggio da un provider di servizi all’altro, agevolando la creazione di nuovi servizi, in linea con la strategia del Mercato Unico Digitale.
Il primo adempimento da porre in essere per le imprese italiane è senz’altro l’adozione del Registro dei trattamenti di dati personali, ma prima ancora che alle beghe burocratiche, l'azienda deve comprendere l'importanza e il valore dei dati, nonché agli ingenti danni economici legati a una perdita di informazione se la violazione dei dati rappresenta una minaccia per i diritti e le libertà delle persone:

  • Il titolare dovrà informare in modo chiaro, semplice e immediato anche tutti gli interessati e offrire indicazioni su come intende limitare i danni;
  • Potrà decidere di non informare gli interessati se riterrà che la violazione non comporti un rischio elevato per i loro diritti oppure se dimostrerà di avere già adottato misure di sicurezza; oppure, infine, nell’eventualità in cui informare gli interessati potrebbe comportare uno sforzo sproporzionato al rischio. In questo ultimo caso è dovrà provvedere con una comunicazione pubblica;
  • L’Autorità Garante potrà comunque imporre al titolare del trattamento di informare gli interessati sulla base di una propria valutazione dei rischi correlati alla violazione commessa.

Che dire! Voi siete in regola con il GDPR? 
Il nostro software Passepartout è già certificato!
Scrivici per saperne di più.

Campi obbligatori *

VEDI TUTTE

.info

Vuoi aumentare le performance della tua struttura? Chiedici una consulenza gratuita!
Seguici sui nostri canali social

Campi obbligatori *
Rimini - Via Ariete, 18 47923 (Rn) - IT
Tel. +3905411737439
Cell. +393884673873
info@hospitalityup.it
P.Iva 04353210406 - Privacy Policy
Credits TITANKA! Spa © 2017